Natività di Andrea Previtali

Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali, Natività, 1520 circaAndrea Previtali, Natività, 1520 circa
Andrea Previtali

Natività di Andrea Previtali

La piccola ma smagliante pala con la Natività nel Santuario di Santa Maria Nascente ad Arconate è quasi sconosciuta dalla critica, e tutt’ora la sua corretta attribuzione al bergamasco Andrea Previtali non è nota nel paese.

L’opera è stata donata al Santuario dalla famiglia Arconati Visconti probabilmente nel corso del Seicento, e dunque non si conosce la sua destinazione originaria. Lo stile e l’iconografia, con un ruolo importante dato alla figura di San Giuseppe, riconducono il dipinto al periodo bergamasco di Previtali, nel quale sono state forti le influenze da Lorenzo Lotto.

A Bergamo, a partire dal 1512 circa, sono sorte diverse confraternite devote al santo falegname, e non è detto che questa pala non ornasse una cappella o un piccolo luogo sacro di una di queste.