Opere Sante

2022/2023

Opere Sante

La vita di San Nicolò raccontata da Beato Angelico

Il percorso della mostra aveva quale “focus” le due formelle del Polittico, collocate in un piccolo emiciclo dove, stagliandosi dal semplice e sottile segno grafico di un filiforme telaio metallico che le sosteneva, potevano svelarsi svelavano. Distaccandosi dalle due opere, nella cavità di un anfratto, all’interno di una massa opaca veniva rivelata Ia bellezza della terza opera fluttuante nella luce: Il Messale Gerli.

Numerosi pannelli e sussidi esplicativi preparavano l’incontro con le opere, alternandosi alla proposta di una serie di stimoli tattili, sonori e olfattivi che lo arricchivano e lo rendevano unico. La collaborazione con FAND (Federazione Associazioni Nazionali delle persone con disabilità, Vici (Unione Italiana Ciechi), Politecnico di Milano – Polo territoriale di Lecco e DescriVedendo ha consentito la realizzazione di strumenti innovativi che amplificavano la percezione visiva e descrittiva delle tavole dipinte e del codice consentendo di condividere la bellezza dei capolavori in mostra in un contesto di forte sensibilità umana, artistica e culturale. Anche il metaverso ha fatto la sua comparsa nella mostra in questa edizione: attraverso speciali “oculi” i visitatori potevano vivere l’esperienza al muoversi nella chiesa al San Domenico a Perugia e osservare da vicino in tutti i suoi particolari la cappella in cui era conservato il Polittico Guidalotti.

Ancora una volta, la divulgazione del contenuti delle opere, valicando la semplice proposta di “offerta didattica”, è stata affidata alla visita guidata a cura di circa 200 studenti delle scuole superiori del territorio, preparati attraverso un apposito percorso di formazione.